La pancia del popolo

Feel hu(a)ngry tonite!

Archivio per il tag “germania”

Discount or die, l’arte sublime dell’enogastronomia lo-fi

Il mitico Marmor, quando si dice “un nome, un programma”

Ho dedicato al Marmor alcuni dei momenti più elettrici della mia vita. Come quando l’insegnate di scuola guida al termine di una scarrozzata per la città mi ha caldamente consigliato di prendere degli ansiolitici. O quando, dopo essermi lasciato con la ragazza, continuavo a pensare a cosa avesse potuto riempire il mio stomaco mentre passavo in rassegna l’intera produzione cinematografica di Uwe Boll, “il peggior regista vivente”, autore di conclamati successi quali Stoic, Darfur, Zombie Massacre, Postal e Blubberella, la commovente saga di un’eroina sovrappeso i cui passi producono esplosioni e la cui spada si abbatte su chiunque osi prendere in giro il suo girovita. Continua a leggere…

Annunci

Venite e mangiate, questo è il mio corpo

Deadly dessert by Scott Hove

Venite e mangiate, questo è il mio corpo. Scuseranno i lettori credenti la blasfemia dell’incipit. Ma in Germamia accade che la celebre frase evangelica venga utilizzata fuor di metafora. Un ristorante di Berlino, il Flimè, che un anno fa dichiarava un opening soon (una «apertura a breve»), chiedeva ai suoi avventori un pagamento alquanto particolare. A chiunque sedesse ai suoi tavoli, i ristoratori promettevano di presentare un modulo in cui, volontariamente,  i clienti avrebbero potuto donare parti del proprio corpo. Le quali, estratte da un chirurgo «open minded», di mente aperta, sarebbero poi state cucinate e apparecchiate da cuochi stellati. Ed infine inserite nel menù a base di carne umana. Continua a leggere…

Navigazione articolo